Le Botteghe della Nostra Terra

botteghe_immagine_website

LA PRO LOCO “CITTÀ DI CAMPAGNA” E LA PICENTINI TURIST srl organizzano dal 15 al 19 Gennaio 2014 nel Centro Storico di Campagna (Sa)

LE BOTTEGHE DELLA NOSTRA TERRA

Una città riconosciuta dalla regione Campania: “ad economia prevalentemente turistica”, può e deve scegliere la strada del turismo per contrastare la recessione.

Il TURISMO azzera i costi di trasporto, accorcia la filiera della distribuzione, avvicina il consumatore al produttore e quindi, in questo periodo di particolare crisi economica ed occupazionale, è la strada più opportuna da seguire per vendere i nostri prodotti.

Quando il territorio ha le carte in regola per fare turismo ha una marcia in più per competere e quindi è un’assurdità economica non mettere a frutto questa potenzialità.

Il progetto si propone di far conoscere e valorizzare, seguendo la strada turistica, la produzione artigianale ed agricola di zone di eccellenza di Campagna, e della Campania, che non hanno nulla a che vedere con la “zona dei fuochi”. Contrariamente a quanto, in questi ultimi tempi, è stato divulgato, in maniera scellerata e forse anche interessata, da una stampa generica e sommaria che, pur di far notizia, non ha badato minimamente alle disastrose conseguenze che avrebbero colpito anche il resto della regione.

Noi dobbiamo contribuire a fare chiarezza, nessuno può negare che ci sono zone della Campania altamente inquinate, ma nel contempo bisogna lottare affinché la nostra terra sia nota nel mondo soprattutto per le bellezze archeologiche, architettoniche artistiche, ambientali, paesaggistiche oltre che agricole ed artigianali e non come “terra dei fuochi”.

È da questo desiderio di riscatto, dalla consapevolezza che è indifferibile costruire un orgoglio regionale, dalla necessità di accettare la sfida di trovare da soli una via di uscita alla paralisi economica e alla recessione in cui è precipitato il nostro Paese che nasce il progetto.

I giovani di Campagna vogliono dire a tutti i giovani del sud che qui non si piagnucola per una sorte contro la quale nulla si può fare.
I giovani del sud non chiedono nulla a nessuno ma si costruiscono da soli il loro futuro, hanno intelligenza, intuito economico, voglia di fare e capacità per prendersi dal mercato globale la loro fetta di produzione, di lavoro, di ricchezza.

E’ da tutto questo che il progetto nasce e trae linfa vitale.

I negozi solitamente chiusi verranno trasformati, in via sperimentale, in botteghe di promozione dei prodotti tipici. I giovani gestiranno direttamente per 5 giorni le botteghe diventando temporaneamente dei negozianti. Daremo una proiezione di come immaginiamo possa essere tra qualche anno il Centro Storico indicando ai partecipanti e ai cittadini dell’intero territorio la strada da percorrere sicuri che il settore TURISTICO, e la sua conseguente PROMOZIONE, sia l’unico volano per la rinascita dell’economia della città.

Questo potrebbe gettare le basi per una riorganizzazione commerciale strutturale di tutto il Centro Storico come VILLAGGIO DI PROMOZIONE DELLE ATTIVITÀ DEL TERRITORIO.
È questo il proposito più ambizioso del progetto.

Contattaci per maggiori INFO

 

 

Lascia un Commento